questo da noi detto *inverno

mh

“you are like the snow only
purer fleeter, like the rain
only sweeter frailer you

who certain
flowers resemble but trembling(cowards
which fear
to miss within your least gesture the hurting
skill which lives)and since

nothing lingers
beyond a little instant,
along with rhyme and with laughter
O my lady
(and every brittle marvelous breathing thing)

since you and i are on our way to dust

of your fragility
(but chiefly of your smile,
most suddenly which is
of love and death a marriage)you grieve

courage
so that against myself
the sharp days slobber in vain:

nor am i afraid that
this, which we call autumn, cleverly
dies and over the ripe world wanders with
a near and careful
smile in his mouth(making

everything suddenly old and with his awkward eyes
pushing
sleep and thoroughly
into all beautiful things)

winter, whom Spring shall kill.”

Edward Estlin Cummings
Is 5
1926

4 risposte a “questo da noi detto *inverno

  1. mio dio quant’è bella. posso, dunque, macchiarmi con prepotenza di appropriazione indebita di baci illustrati?🙂

    no, perchè

    quel “gioco spirituale” che pratico e che ho fatto anche con te (con il timore di non essere riuscito ad essere obiettivo), che non facevo da tanto tempo e che è tornato recentemente, come ti ho raccontato, nella mia vita, io lo faccio più spesso con me stesso che con altri.
    anzi, quasi nessuno sa che io sappia praticarlo (migliorerò!).

    mi ha colpito come proprio uno dei temi sui quali io sia da esso stato guidato a riflettere, nei significati ricevuti in questi giorni, sia stato proprio quello della rinascita e della primavera.

    ho amato cummings profondamente fin dalle lezioni ai tempi del mio caro liceo linguistico -pensaci: ha sicuramente influenzato il mio modo storto di scrivere- ma data la sua opera STERMINATA, mi mancava o ho nel tempo scordato questa poesia.

    che bella.

    l’inversione speculare delle seguenti (secondo me) belle parole tratte da “L’atlante delle nuvole” e dal suo personaggio che in assoluto mi è stato fin da subito più a cuore, nel film e nel libro:
    “L’autunno abbandona la sua dolcezza, arrivando al momento del rigore e del marciume. Non ricorda l’estate nemmeno per dirle addio.” Tuo, Robert Frobisher

    Non adoro solo l’inverno, fatto che conosci, ma ormai anche tutte le stagioni che lo incrociano e giocando al piccolo Cummings, questa è per te:
    “soltanto
    E’ ormai tutto ciò che è torr(/b)ido, a farmi.
    Letteralmente ed allegoricamente;
    Sudare.”
    🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...