TIMBRINI e segnaposto_creatività natalizia parte 2

Anche questo Natale è stato vissuto,  consumato. Eventi destabilizzanti sono accaduti, dentro e fuori le mura domestiche. Ma anche: incontri piacevoli e attesi da tempo; scambi di doni; messaggi notturni verso persone lontane; giochi con carta e inchostro; invenzioni per far felici i bambini. Sono sinceramente provata. Lo racconta la febbre che mi ha messo fuori combattimento dopo capodanno.  Peccato, altrimenti so che avrei potuto farne mille e più di mille ancora, di cose.
Ma non usciamo fuori tema. Si diceva, creatività natalizia. In perfetta linea con il post precedente, in cui accennavo alla mia disorganizzazione esistenziale, unita però ad una malsana voglia di fare una enorme quantità di attività nella stessa giornata, ecco un altro piccolo lavoretto che ho preparato per la sera della Vigilia.
L’idea: produrre dei segnaposto per gli ospiti. Idea non mia, ma di mia mamma. Tanto è facile no? Certo, come no. Tantissimi dubbi mi attraversavano la mente. Li disegno a mano? Per poi colorarli ad acquerello… me la rischio? Già, cosa vuoi che siano più di venti microdisegni AD ACQUERELLO! Allora fatti al pc e poi stampati? Però poi, a parte l’innegabile freddezza del risultato finale digitale rispetto al sentimento del fattoamano, chi me li stampa sotto Natale?  Insomma, traccheggiavo su queste sole due opzioni, o su microvariazioni di esse, quando lo sguardo mi si è posato sul fino ad allora inutilizzato acquisto di Tiger: materiale per fare i timbrini, più professionalmente detto STAMP SET. Allora ho pensato che sarebbe stato un sistema perfetto per risolvere la questione stampa, e che in più ogni singolo segnaposto avrebbe avuto un tocco un pò unico. Allora mi sono messa all’opera, con l’intenzione di produrre 3 varianti che poi avrei stampato. Come al solito, quando ci si lancia in certe cose con il brivido dell’inesperienza, sono emersi alcuni problemi diciamo *tecnici. Il materiale fornito da Tiger è il seguente: 2 pezzi di simil-linoleum (comodo da lavorare perchè bicolore, per cui il disegno scavato risulta di semplice lettura), una specie di sgorbia  (troppo spessa e inadeguata nel caso il disegno pensato abbia dei dettagli, anche semplici), più 3 stampini pucciainchiostro. Nel mio caso ne avevo solo 2 perchè l’altro era stato probabilmente già sottratto da qualche furbone all’interno del negozio. Ah, il taccheggio natalizio, che meraviglia. Comunque sia: ho dovuto compensare la suddetta sgorbia con il mio fedele taglierino; nonostante ciò, incidere è tutt’altro che semplice e ho rischiato di fare una vera schifezza. Alla fine ha vinto la semplicità. Per cui il primo disegno mi è venuto proprio brutto; gli altri due fortunatamente sono usciti più carini.
In generale sono piuttosto soddisfatta, era la mia prima volta e come segnaposto non erano niente male.

Quoziente di difficoltà: 2 matitine su 5.

All’interno di ogni segnaposto ho poi scritto frasi d’ammore, random, a tema natalizio. Così infine ognuno ha avuto la sua frase casuale stracolma d’amore.

E vissero tutti felici e contenti:)
20151221_190929

20151222_114538

20151222_114735

20151222_122239

20151224_225650

20151225_142530

Poi, visto che non ci facciamo mancare niente, e soprattutto perchè dopo 3 timbrini ero al top della mia abilità tecnica, ho realizzato con gli stessi manteriali anche un piccolo presente per la Franci. La qualità non sarà altissima, ma è stato fatto con del sentimento, sappiatelo.

20151222_114634

20151222_114709

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...